Costruzione 125: La crêuza (2)

| ۩ | 2 commenti

Riprendiamo la costruzione del vicolo laterale là dove l'avevamo lasciata nel post precedente.


Alla fine di quel post accennavo ad un elemento che si intravvedeva nelle foto ma del quale non avevo ancora parlato: mi riferivo alla catena!

Il nuovo paracarro, inserito nel terreno all'inizio della salita, ha anche la funzione di sostegno per la catena che delimita il fosso di raccolta delle acque.
L'ultimo anello della catenina (la stessa usata per la botola del fondaco e per la prigione) si inserisce nel muro della torre tramite un gancio in ferro.


Questo inizialmente doveva essere l'aspetto definitivo della catena. Poi, notando lo stacco cromatico tra le parti in ferro e la catena grigia e così perfetta, ho pensato che se fossi riuscito io stesso a realizzare una piccola catenella con il filo arrugginito, la resa sarebbe stata sicuramente migliore.

Detto, fatto.
Con l'aiuto delle pinze e di un po' di pazienza metto insieme 23 anelli realizzati con un filo metallico sottile e più a tono con il resto.

A questo punto torno ad occuparmi della pavimentazione con le necessarie rifiniture: carteggiatura, riempitura dei giunti, verniciatura...


Per poi sostituire la catena "industriale" con quella fatta a mano.



Dopo la verniciatura e sporcatura del pavimento, già descritte in altre occasioni, un'ulteriore fase è rappresentata dalla levigatura.
Finora avevo sempre realizzato una levigatura approssimativa con il dorso di un'unghia o con un cucchiaino da caffè, ma recentemente sono riuscito a procurarmi lo strumento più indicato a questo scopo: il brunitoio.
Si tratta di uno strumento la cui estremità è costituita da una pietra d'agata, e lo si trova in varie forme. Viene comunemente impiegato per la levigare la foglia d'oro applicata a mobili e cornici durante il processo di doratura e rende la superficie più liscia e brillante.

Nel mio caso aiuta a rendere più uniforme la pavimentazione dandole un aspetto consunto e leggermente più scuro.


Ultimo tocco prima della chiusura di questo secondo capitolo dedicato alla pavimentazione del vicolo: l'inserimento di una piccola aiuola.
In realtà non si tratta di un'aiuola vera e propria, ma di un cespuglio addossato al muro della torre, dove l'umidità causata dall'accumulo di terra ed acqua piovana ha favorito la crescita di alcune piantine, che d'ora in poi dovrò avere cura d'innaffiare regolarmente (accidenti a me quando mi vengono queste brillanti idee)!
Ovviamente la materia prima è un ciuffetto di muschio, raccolto stavolta su un muro della cattedrale di Granada.



MATERIALI:
filo di ferro sottile, boiacca di cemento, smalto trasparente, terriccio, muschio
STRUMENTI:
tenaglie, pinze, pinzette, carta abrasiva, pennello, brunitoio



Construction 26: Jailhouse door

| ۩ | 0 commenti

After the construction of the railings, it's time to think about the entrance door of the jail...
At first I thought to build a real door, similar to the iron gate I made to close the tunnel. Then, considering the use of the cage, and after a look to some picture on the web, I opt for a smaller door.  Everybody who gets in the jail has to low his head and lift a foot at a time.

In the pictures below you can see the railings before the operation and two studies I've made to figure out how it'd look when finished: the left door is made of an iron sheet while the other is built using the same old wire.
My choice is the first one, but hinged to the left instead of the top.


The first problem I face is the cutting of the railings. The short bars can't self-sustain without moving, so I need to twist the edge of the wire.
After some clumsy attempt and the replacing of a pair of bars (not documented by any photo), I finally reach my goal.

Second problem: cutting the sheet and its processing.
A few months ago I picked up a short pipe covered with a thin metallic sheet. I've thought it could have been useful.
As usual, I've only done what I always do: collecting trash. I find useful 2 or 3 junks every 10 I bring home, but without this insane passion my project would hardly go on.


After skinning the pipe and cleaning the sheet from barnish, I scratch it with sandpaper and I put it under water to see what happens (still I don't know how to use it).
The composition of the sheet must be partially ferrous, but the oxidation process is quite slow (two weeks under water). Anyway, the result is good and even better than simple iron, where rust usually takes a brighter color.

To cut the sheet, I previously mark the edge of the door with a pencil. Then, beating on my personal anvil with hammer and chisel (a single sharp blow) I carve the four sides till I break the piece.
The holes to insert the hinges are made in the same way but using a nail.
Of course I make all this very carefully to save my fingers from chisel and wearing a pair of glasses to protect my eyes.

I didn't take pictures of this operation neither, but the final result looks like this:


Last touch: a thin rusty coat to hide the scratches and a quick burn with a lighter.

So... I admit it could be more accurate and maybe its look is not so realistic, but it's the first time I work with iron and could be worse.
What's more, it works and now it's ready to be mounted on the jail...



DID YOU LIKE THIS POST?
WANT TO SEE MORE?




Construction 25: Iron railings

| ۩ | 1 commenti

In the basement floor I can't miss to set up a jail.
Here the master will put his captive enemies as well as some rebel family member.
I close an empty area between two pillars and the stone wall with railings leaving a small door as the only passage.
Railings will be plugged on every side into the floor, ceiling and pillars...


I start making the railings with a wire, old but not oxidated.
At first my intention was to place only vertical bars held by a pair of wooden timbers. The effect could look fine at a first glance (you can see it above) but it's not very realistic.
A fast search on the internet confirm this feeling, driving me to change my project on the way (as usual).


So I decide to change the grey wire for the old one I already used building the gate.
When I realize that I can mould the wire weaving the bars without any glue, I start searching for a hard surface where I could strike them with a hammer. Of course I don't want to break the floor tiles or torture my neighbours ears with bothersome noises...
I try using a granite slab but it breaks after a few strikes. Besides the stone is not perfectly smooth and it damages the brown coat of the wire.
When I almost despair of finding the right support, my granada comes to help me! I mean the pomegranate symbol of Granada, reproduced on every piece of street furniture in the city where I live.
Some years ago I found a broken cast iron post (precisely in shape of a pomegranate) and I brought it home to make it a piece of my junk collection. It's been parked on my terrace till now...
But now I decided it will be my anvil!


Weaving the grid is a bit hard at the beginning. Working with bare hands, without clamps or others devices, pieces tends to move and turn to different directions.
Once I crossed at least 3 vertical and 3 horizontal bars, the grid is self-sustaining and from then on the work is easier.
The hammer strikes over the joints flatten out the bars, joining them together and making the grid more alike to the real railings.
With a hot moulding I'd surely get a better work, but I don't have a foundry at my disposal, so I'll be satisfied with this!


Once the first railing is finished, it's time to build the second and the third one. Size should be the same for all (with a difference: one of them will be open to place the door).
Actually, the space between the bars is different for every single railing, but as they'll be mounted on different sides of the "cage" without touching each other... I'll be satisfied again!


And now it's the turn of the door...

DID YOU LIKE THIS POST?
WANT TO SEE MORE?




Construcción 25: Rejas de hierro

| ۩ | 0 commenti

El los subterráneos de la Domus no puede faltar una celda de seguridad donde encerrar los enemigos capturados o algún miembro rebelde de la familia.
Bajo una de las bóvedas he individuado un espacio cuadrado, cerrado a un lado por la pared de piedra y que delimitaré a los restantes tres con rejas y una pequeña puerta de hierro. Las barras estarán clavadas en todos los lados en el suelo, el techo y los pilares.


Empiezo cortando las barras de hierro, usando un alambre viejo pero inoxidable.
En un primer momento pensaba realizar las rejas colocando sólo barras verticales, sujetas por una o dos horizontales de madera. El resultado (visible en la foto de arriba) podrÍa parecer satisfactorio a una primera mirada, pero no tenÍa para nada un aspecto medieval.
Una rápida búsqueda en internet confirma esta sensación, llevándome a modificar el proyecto sobre la marcha (como suele ser).


Decido sostituir el alambre gris por el viejo alambre ya usado en la construcción de la cancela.
Tras verificar que las barras se pueden moldear con unos ligeros golpes y cruzar hasta formar una rejilla, busco una superficie dura que pueda servir de base para dar golpes con el martillo, posiblemente sin destruir las losetas del suelo o torturar los oÍdos de los vecinos con ruidos molestos.
Hago una prueba con una pieza de granito, pero tras los primeros golpes se parte por la mitad. Además la superficie no es suficientemente lisa y estropea en parte la capa exterior del hierro.
Cuando ya estoy a punto de renunciar me acuerdo de mi granada!  El fruto simbolo de la ciudad donde vivo, reproducido por todas partes e incluso en el mobilio urbano...
Hace tiempo, aprovechando de unas obras, me llevé la cabeza de un pivote de hierro colado para agregarlo a mi colección de chatarra. Luego se quedó aparcado en la terraza...
Ahora he decidido que eso será mi yunque!


El montaje de las primeras barras resulta un poco complicado. Trabajando con las manos, sin pinzas u otros medios, las piezas tienden a moverse y doblarse hacia todas la direcciones. Sin embargo, una vez colocadas las tres primeras filas horizontales y verticales, la estructura se sujeta por si misma, resultando inútil el uso de cualquier cola.
Los golpes del martillo sobre las barras achatan las juntas, dandole al conjunto un aspecto más parecido a las verdaderas rejas.
Claro está que trabajando con el fuego se obtendrÍa una trabajo mucho mejor, pero no poseo una fragua, asÍ que me conformaré.


Terminada la primera reja, le toca a la segunda y a la tercera. Las medidas deberÍan ser las mismas para las tres, con la única diferencia que en una de ellas se abrirá la puerta de acceso a la prisión.
En realidad el espacio entre las barras resulta diferente de una a otra, pero como irán montadas en diferentes lados de la "jaula" sin entrelazarse entre ellas, decido quedármelas asÍ.


AsÍ que ahora es el turno de la puerta...



Costruzione 124: La crêuza (1)

| ۩ | 0 commenti

Pronti per affrontare un nuovo capitolo della Domus?
Mettetevi comodi, perché anche questo rischia di diventare piuttosto enciclopedico. In caso risultasse eccessivamente lungo, lo suddividerò in più parti, come già fatto in tante altre occasioni.

Iniziamo con alcune nozioni di base per i "foresti". Chi non è ligure si starà chiedendo "Cos'è una crêuza?"
Per rispondere, dovrò prima di tutto spiegarvi cosa sia un "caróggio" (caruggio), termine che troveremo anche più avanti quando mi occuperò della via carrabile antistante il loggiato:

"E' la parola con la quale in lingua genovese si indicano i caratteristici e stretti portici e/o vicoli ombrosi di molte città e paeselli della riviera ligure." 

Ne trovate qualche esempio nelle foto allegate a questo post scritto tempo fa.
Ed ora passiamo alla crêuza:

"Distinta dal caruggio, ma ad esso accomunata dalle anguste proporzioni, è la crosa, o meglio la crêuza, mulattiera, scalinata o ancora piccola salita che dalle alture collinari scende ripidamente a valle; se situata nei pressi del mare, spesso in prossimità di trivi (incroci di tre strade) la crêuza diventa una Crêuza de mä, ovvero una crêuza di mare, così come è stata cantata da Fabrizio De André nel brano omonimo." ¹

Dunque il vicolo, stretto e molto ripido, che corre lateralmente alla Domus inerpicandosi su per la collina, è appunto una di queste crêuze.
Vista la pendenza molto accentuata e l'impossibilità di passarvi con un carro, decido di pavimentarlo con una scalinata per agevolarne la percorribilità. Non è raro comunque, a Genova, vedere salite anche più ripide di questa lastricate senza l'uso di scalini!

Il primo passo per completare il vicolo sarà quello di rifinire il fondo in cemento ottenendo così una superficie liscia e uniforme.
Sia nel tratto in pendenza che in quello pianeggiante accanto al portico d'ingresso, resterà lo spazio sufficiente per l'inserimento delle pietre e dei mattoni di cui sarà formata la pavimentazione.

Alla base della salita inserisco un piccolo paracarro improvvisato lavorando un frammento di pietra. Questo renderà il vicolo definitivamente pedonale e servirà da protezione per il fosso di raccolta delle acque che si trova alla base del muro.
La sua altezza però risulterà insufficiente e, prima di terminare il lavoro ne realizzerò uno nuovo più adatto.

Il passo successivo sarà il posizionamento delle casseforme in legno per realizzare la base degli scalini.
Una volta calcolata l'altezza degli stessi e la distanza tra un'alzata e l'altra, uso delle assicelle di legno (avanzate dalla costruzione del solaio e della scala) per delimitare le diverse aree da riempire con il cemento.


Una leggera incisione sulla superficie e una spruzzatina d'acqua favoriranno la presa del nuovo cemento su quello sottostante. Poi bisognerà lasciar asciugare lentamente la struttura per evitare spaccature.



Una volta che il cemento è asciutto posso procedere con cautela alla rimozione dei supporti e all'inizio della pavimentazione.

L'estensione della pedata verrà realizzata in mattoni, mentre il bordo sarà in pietra e leggermente arrotondato sullo spigolo.
Alcuni scalini saranno costituiti interamente da blocchi in pietra di maggiori dimensioni, come ad esempio quelli che delimitano la zona antistante l'ingresso secondario, nella parte alta del vicolo.

La posa avviene con colla bianca e non presenta grosse difficoltà. Ricopro di mattoni anche il fondo del canale e ne approfitto per realizzare il nuovo paracarro cui accennavo prima.

Le pietre usate per gli scalini e per quest'ultimo elemento sono sassi di fiume raccolti lungo il torrente Scrivia. Un materiale molto simile a quello usato realmente per le costruzioni medievali genovesi e che ho scoperto non troppo duro da lavorare (anche se a volte vi sono differenze di composizione da un sasso all'altro).
Per tagliare queste pietre uso il seghetto manuale o la ruota diamantata del Dremel, evitando le tenaglie che in questo caso non danno buoni risultati.


Ed ecco qua il completamento della pavimentazione in pietra e mattoni sotto l'attenta supervisione del padrone di casa:



In queste ultime immagini si vede anche un altro elemento al quale non ho ancora accennato,  ma lo vedremo più avanti. Effettivamente in questo post abbiamo già messo abbastanza carne al fuoco e non vorrei che qualcuno facesse indigestione!

¹  testo tratto da Wikipedia

MATERIALI:
sassi, das, colla bianca, cemento, assi di legno
STRUMENTI:
pinzette, carta abrasiva, seghetto, dremel con disco diamantato, spatolina, punteruolo
MISURE (in cm):
(da verificare)