Documentazione: opus spicatum

06/10/09 | ۩ |

Per il pavimento della cantina mi sono ispirato ad una tecnica di origine romana, che si ritrova però anche in epoca medievale e viene usata tutt'oggi per le pavimentazioni in cotto.

I mattoni vengono posizionati a lisca di pesce (o a spiga, come suggerisce il nome - letteralmente "opera a spiga"), ma possono essere disposti di piatto o a coltello.
Dopo un'iniziale incertezza, ho deciso di usare la seconda tecnica, che necessita di un maggior numero di mattoni ma che risulta visivamente più "ricca".


Nella foto in alto: la pavimentazione ad opus spicatum della Piazza del Campo, a Siena, con i mattoni disposti a coltello.
In basso, invece, mattoni posizionati di piatto in un lastricato francese.


Ancora un paio di esempi: qui sotto a sinistra, opus spicatum di epoca romana (dai mercati di Traiano); a destra, invece, un esempio di epoca medievale.
Da notare come con la semplice alternanza di mattoni chiari e scuri (e quindi con l'uso di materiali tutto sommato poveri) si potesse ottenere un effetto esteticamente molto raffinato.




0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails