Costruzione 205: Il cucinino (4) - arredamento e decorazione

12/04/16 | ۩ | 0 commenti


Rieccomi.
Allora, siete pronti per l'arredamento del cucinino?
Abbiamo già visto la costruzione del lavello e del camino, quindi non resta che collocare il mobilio e tutti gli accessori. Non è poca roba, ragion per cui questo post arriva con un po' di ritardo rispetto al solito.
Nel momento in cui inizio a dedicarmi alla decorazione della stanza ho già alcuni pezzi pronti, ma di altri manca perfino l'idea... al momento opportuno mi inventerò qualcosa!


Inizio con un piccolo sgabello di legno da collocare accanto al camino. Così, se a metà de lavoro sarò stanco, potrò riposare e riscaldarmi davanti al fuoco. Gli elementi che compongono questo pezzo d'arredamento sono quattro: il sedile, realizzato con la sezione di un rametto secco, e le tre gambe, segmenti opportunamente sagomati di uno stuzzicadenti. Qui di seguito vediamo l'assemblaggio dei pezzi, mentre ritroveremo lo sgabello finito più avanti.


Passiamo al successivo. Vado veloce perché gli oggetti sono tanti e le foto anche di più, cosa che rischia di convertire questo post in una specie di "Arredamento in miniatura for Dummies".
C'è un oggetto che in una cucina genovese non può mai mancare, anche se molti non lo usano preferendo strumenti più moderni: il mortaio, con il quale tradizionalmente si elabora il famoso pesto.
Dallo stesso marmo grigio usato per il lavandino e per il camino del salone, ricavo un piccolo cubetto, che vado poi a svuotare con una fresa diamantata del Dremel (quella a punta sferica). Trattandosi di pietra dura ed essendo la fresa di quelle da pochi soldi, con questo lavoro ha già raggiunto la metà della propria vita utile...


La rifinitura delle superfici esterne avviene con altre frese più piccole e con lo stesso disco da taglio, con il quale arrotondo la base d'appoggio. A questo punto il mortaio può già dirsi terminato, almeno la parte in pietra. Mancano ancora il pestello di legno e il contenuto, visto che voglio dare alla cucina un aspetto vivo e immortalarla in un momento di piena attività.


Dubito che all'epoca della costruzione della Domus esistesse già il pesto, per lo meno non così come lo conosciamo oggi. Il mortaio però lo si usava molto, per cui quelle "foglie" verdi potrebbero anche non essere basilico. In effetti sono fibre sintetiche strappate da una spugnetta per i piatti e appallottolate con una goccia di colla (per la serie: "Nulla si salva dalla Domus").



Appeso accanto alla finestra colloco un piccolo cestino (accessorio per presepi in scala eccezionalmente compatibile con la Domus) contenente qualche altra spezia verde. In questo caso si tratta di finti rovi di materiale plastico, che vengono venduti a sacchetti in un negozio qui vicino. I sacchetti a volte si rompono, qualche ciuffo cade a terra ai piedi del bancone... e a me tanto basta, visto che non sto costruendo un bosco ma un palazzo.


Con altri pezzetti di legno realizzo una serie di tavolette (sulle quali all'epoca si mangiava, al posto degli attuali piatti di ceramica) ed un piccolo tagliere, decorato con un altro "strappo" di spugna (povera spugna). Da un segmento di fil di ferro ribattuto invece, viene fuori un coltello. Non dimentichiamo che per mangiare si usavano le mani, e questa era l'unica posata che si trovava normalmente anche a tavola.


La brocca bianca che appare qua sopra accanto al mio dito, è un esperimento. Partendo da un piccolo cilindro di alabastro, ho voluto verificare fino a che punto questa pietra può essere lavorata nei dettagli. Il risultato è quello che vedete nelle foto, scavato all'interno con una fresa cilindrica fino a raggiungere uno spessore così ridotto che credevo mi si sarebbe sbriciolato tra le dita. E invece no.
Per inciso: il dito qui in basso non è mio.


Un primo tentativo per dare alla brocca un manico adeguato, prevedeva l'uso dello Sculpey, che però si è rivelato troppo fragile anche dopo la cottura. Il pezzo che si vede nella foto in basso è stato poi sostituito da un filo metallico dipinto di bianco. In quello scatto però si nota un'altra novità: la mezzaluna. Anche in questo caso, fil di ferro ribattuto e due minuscoli frammenti di legno accanto ai quali le mie dita sembravano ippopotami rosa (questa volta ve le risparmio).
Fa la sua prima apparizione anche una casseruola di rame a due manici, dal design forse un po' moderno ma comodissima per fare le frittate che piacciono tanto al padrone di casa. I materiali usati sono fil di ferro vecchio e un accessorio per orecchini già usato per la costruzione delle torce da parete.




A questo punto però mi fermo un attimo per chiedermi: cosa manca ancora per rendere l'ambiente credibile? A parte pentole, cucchiai, mestoli ed altri accessori per la cottura, cos'altro potrei inserire nella cucina di una ricca famiglia medievale?
Ma certo, il vetro! Ecco cosa mancava. A parte i bicchieri, al posto dei quali si usavano coppe di legno o metallo (argento per i signori), chi poteva permettersele disponeva di brocche, bottiglie, ampolle e contenitori vari di vetro colorato, prodotti spesso dai maestri vetrai di paesi lontani ed importati via mare dai mercanti italiani.
Ecco quindi che viene in mio aiuto una scatola di perline per bigiotteria delle quali mi approprio (con il permesso della precedente proprietaria) per dare forma a nuovi elementi del mio cucinino.
Combinando perline di forma e colore diversi, riesco a mettere insieme una serie di oggetti dall'aspetto verosimile. Cerco di non esagerare troppo per non convertire la cucina nello studio di un alchimista, ma avrò sicuramente altre occasioni per utilizzare i pezzi che avanzano.




Mentre io mi dedico alle mie bottiglie, il carpentiere monta sul muro un paio di mensole, sulle quali posso iniziare a sistemare i numerosi oggetti che già affollano il mio banco di lavoro.


Contento del risultato, gli ordino anche un bel tavolo per la cucina, che in men che non si dica è pronto per esser collocato al proprio posto. Bravo ragazzo, gli aumenterò il salario.



Anzi no, che poi si monta la testa.
Il tavolo andrà poi verniciato e sistemato insieme a tutto il necessario per la preparazione del pesto.



Ecco, mi rendo conto solo adesso che manca il formaggio. Il manico di un vecchio pennellino sembra proprio ciò che fa al caso mio. Ne taglio una sezione, et voilà... pecorino sardo pronto all'uso!


In cerca di nuove combinazioni con le perline, ne unisco una di legno con tre di vetro e viene fuori quasi per caso una bella damigiana.
Un cilindro metallico staccato da una vecchia scarpa e un po' di fil di ferro diventano invece una caraffa...


Poi taglio a metà una lenticchia secca ottenendo due fresche formaggette; da una maglietta strappata saltano fuori tovaglie o strofinacci; un po' di salvia mista a colla riempe la pentola di un'ottima zuppa... e avanti così fino a decorare ogni angolo della stanza, combinando e spostando gli oggetti fino a quando il tutto non risulta abbastanza convincente.





La posizione del tavolo cambia diverse volte, così come la collocazione degli utensili, che fanno un po' il giro dei ripiani disponibili. Poi, una volta deciso lo schema definitivo, il tutto viene fissato con poca colla, per evitare cadute in caso di trasporto.
L'ultimo elemento decorativo (ma anche funzionale) del cucinino è rappresentato dalla tenda che chiude l'unica finestra: un semplice rettangolo di tela grezza appeso ad una barra di ferro tramite anellini, anch'essi metallici.
Un gancio inserito nel muro mi permette di fissare la tenda in posizione aperta in modo che l'interno della stanza risulti visibile dall'esterno.




Una volta fissati tutti gli oggetti, ciò che rimane da fare è scattare miriadi di foto, provando diverse illuminazioni e cercando tutti gli scorci possibili dall'interno e dall'esterno della casa... prima che la chiusura del solaio ne impedisca per sempre la vista!

Bene, io per oggi mi fermo qui. Continuate voi a scorrere le immagini che, come ho anticipato, sono davvero tante.
Alla prossima!

















MATERIALI:
legno, marmo grigio, fil di ferro, fibre sintetiche, stuzzicadenti, alabastro, orecchini, perline per bigiotteria, smalto trasparente, correttore rotring bianco, accessori per presepe e per modellismo navale, stoffe, lenticchia secca, salvia disidratata, colla bianca
STRUMENTI:
tenaglie, pinzette, Dremel con frese e disco da taglio, cutter, pennello, righello, martello e incudine, forbici, lampadina led
MISURE (in cm):
tutto in scala 1:50, meno la moneta da 1 cent. e le dita



Related Posts with Thumbnails