Costruzione 223: Il camino (3) - cappa in mattoni

01/12/17 | ۩ |

Aggiorniamo la situazione per quanto riguarda il camino del salone, che ho inserito da tempo nella parete ma che manca ancora della cappa e della struttura interna al muro.

Con la posa di nuovi blocchi va prendendo forma una rientranza che aumenta progressivamente ad ogni nuova fila di pietre. L'inizio della canna fumaria vera e propria coincide con la chiusura di questa apertura tramite un lungo architrave.
Da qui in poi la parete continuerà a crescere senza altre interruzioni, chiudendo definitivamente il condotto all'interno della muratura.


Nel frattempo anche il resto della stanza va prendendo forma, e in queste foto si vedono elementi di cui mi sono già occupato in altri post, ma anche alcuni di cui mi occuperò in futuro.


All'interno del muro, come già detto, si trovano i condotti di entrambi i camini, che si manterranno separati per tutto il loro percorso.


Fin qui, il lavoro in pietra. Ora torniamo alla struttura visibile del camino.
Dopo aver preso le opportune misure, ritaglio una sagoma di cartoncino che mi farà da supporto per la posa dei mattoni che andranno a formare la cappa trapezoidale.


La prima versione (nelle foto in alto) viene poi leggermente ridotta, in quanto non avevo messo in conto lo spessore dei mattoni. Non voglio, infatti, che la larghezza della cappa occupi tutta la superficie del camino. A cappa ultimata dovrebbe rimaere una cornice libera tutto il perimetro visibile, a modo di mensola.


La posa vera e propria inizia con una prima fila di mattoni collocati lungo la base della cappa, ma prima ancora di incollarli mi rendo conto che questa scelta non è la più indicata. Penso che la struttura risulterebbe più resistente (e anche esteticamente più interessante) se i mattoni fossero disposti a lisca di pesce secondo una griglia inclinata di 45°.
Certo, questo complicherà un po' il lavoro, ma forse vale la pena di fare un tentativo...


Il risultato dopo la posa dei primi pezzi mi convince a proseguire, e in breve riesco a completare il trapezio frontale della cappa.
Ah, non l'ho detto, ma i mattoni sono incollati tra loro e non al supporto provvisorio, che resta sempre rimovibile e sarà eliminato definitivamente a fine lavoro.


La difficoltà ora sta nella connessione tra la "facciata" e i triangoli laterali, che lungo gli spigoli dovrebbero incastrarsi tra loro in modo armonioso.


Ovviamente non tutto va liscio. Lavorando con mattoncini così piccoli e di dimensioni non perfettamente uguali tra loro (sono tagliati uno ad uno come mostrato QUI) risulta difficile creare una griglia perfetta, ma laddove le forme non coincidono del tutto mi viene in aiuto la colla, che applico abbondante anche sulla superficie interna della cappa. Senza questo rinforzo la struttura risulterebbe eccessivamente fragile.

Ed ecco la cappa appena completata vista da varie angolazioni e in diversi momenti della costruzione del salone:







Mi sento in dovere di aggiungere (per chi non lo sapesse) che la superficie della cappa verrà coperta dall'intonaco affrescato, per cui a costruzione ultimata nulla di tutto ciò resterà visibile.

"Ma come? Allora non era meglio costruirla in un unico pezzo, senza tanta fatica?"

Assolutamente no.



Termino questo post con una vista posteriore della cappa così come appare da sopra il cucinino (già chiuso dal solaio in legno). Qualcuno di nostra conoscenza sembra attendere di veder spuntare il fumo dal camino.
Beh, mi sa che dovrà aspettare ancora un po'...


MATERIALI:
ardesia, mattone, cartoncino, colla bianca
STRUMENTI:
matita, righello, forbici, tenaglie, pinzette, carta abrasiva, seghetto, spatolina
MISURE (in cm):
base: 6,3 x 1,2
altezza: 7,2
spessore: 0,3



0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails