Costruzione 220: Finestre del piano nobile - infissi in legno (1)

18/10/17 | ۩ |

Dopo il lungo post dedicato alla decorazione murale della saletta, faccio ritorno alla stessa stanza per compiere un ulteriore passo avanti nella Grande Opera.
In questa prima parte mostrerò il procedimento che mi ha portato alla realizzazione del primo infisso in legno per le piccole trifore colonnate.
Avrei voluto realizzare le due finestre contemporaneamente, anche perché trattandosi di strutture identiche mi sarei facilitato il compito. Tuttavia, l'ansia di vederne completata almeno una mi spinge ad iniziare la costruzione del telaio in legno quando la seconda è ancora soltanto un arco vuoto.
In tutto questo c'è un unico aspetto negativo: quando avrò completato la prima finestra, dovrò ripetere tutto daccapo per fare la seconda, cosa che di solito allunga i tempi e riduce notevolmente lo stimolo creativo.
Ma c'è anche un vantaggio: avendo a disposizione l'apertura della finestra incompleta potrò raggiungere più facilmente l'interno della saletta con le dita o gli strumenti di lavoro...


Ma andiamo al sodo.
La finestra sarà dotata di un telaio fisso centrale e di due sportelli apribili incardinati sui lati, in modo che i montanti verticali coincidano con le colonnine poste all'esterno.


Sia gli sportelli laterali che il telaio fisso saranno poi attraversati da due traversine orizzontali che  divideranno gli spazi in tre rettangoli più piccoli.
I rettangoli superiori saranno ulteriormente abbelliti da piccoli inserti angolari, che dopo l'iniziale facilità si riveleranno piuttosto complessi da realizzare a causa della fragilità del legno.


Ovviamente la finestra non sarà dotata di vetri. Per l'epoca in cui è collocata la Domus, infatti (metà del quattordicesimo secolo), sarebbe un'incongruenza.
Formelle di vetro colorato erano già in uso nelle chiese più ricche e in certi palazzi pubblici, montate su delicate strutture metalliche (solitamente di piombo). Tuttavia avevano uno scopo più decorativo che pratico, in quanto per proteggere gli interni dal freddo il metodo più usato erano ancora i grandi tendaggi di pelliccia o tela opportunamente trattata con la cera per renderla impermeabile.

Per quanto riguarda il mio infisso, tre lunghe strisce di una sottile rete metallica chiuderanno le varie aperture per evitare l'ingresso di ospiti indesiderati. Non ricordo dove ho rimediato questa griglia, uno dei tanti materiali trovati e messi da parte per la costruzione della Domus... fatto sta che in questo caso si rivela perfetta.


A differenza di altre reticelle che mi è capitato di osservare, questa ha una trama molto sottile ed è smaltata in nero, per cui non dà riflessi metallici.
Taglio e montaggio sono operazioni molto delicate, perché nel momento in cui la sua superficie viene ridotta in riquadri così piccoli, i segmenti che compongono la rete tendono a perdere coesione, soprattutto negli angoli.
Inoltre la maglia risulta piuttosto elastica, e  se la si tira troppo in una direzione o nell'altra si rischia di deformare la quadrettatura e che le linee non risultino parallele tra i diversi sportelli.


Una volta concluso il montaggio della rete, resta un'altra bella sfida da affrontare: i cardini!

Negli sportelli realizzati finora (di porte o finestre) ho usato semplici segmenti di filo metallico per comporre gli elementi maschio-femmina dei cardini, con risultati soddisfacenti dal punto di vista pratico ma un po' rozzi per quanto riguarda l'estetica.
Ora, dovendo lavorare su strutture appartenenti al piano nobile e quindi di fattura più pregiata, vorrei provare a costruire qualcosa di maggiormente accurato.
Uno degli ultimi reperti pro-Domus recuperati in un vecchio cassetto è la base metallica di una spirale antizanzare, presenza rassicurante e al tempo stesso incubo (olfattivo) della mia infanzia.
Trattandosi di una lamina piuttosto sottile e facile da piegare, decido di provare a ritagliarne una striscia con le sole forbici (non fatevi ingannare dalle tenaglie della foto, sono lì per caso).


Insomma, dopo un primo test positivo, ne decreto l'uso per la costruzione dei cardini. Per dare forma alla parte femminile arrotolo la lamina attorno al fusto di un punteruolo, mentre la parte maschile sarà invece interpretata dal solito fil di ferro.



La colla usata è quella istantanea da contatto (che se te la dai sulle dita te le ritrovi attaccate in pochi secondi).
Questo perché i pezzi hanno a disposizione pochissima superficie per fare presa e oltretutto saranno sottoposti ad un certo sforzo con il movimento degli sportelli.


L'assemblaggio degli infissi termina con l'inserimento di due maniglie per l'apertura delle ante, realizzate dopo aver forato i montanti con il mini-trapano del Dremel. Inoltre, alcuni sottilissimi segmenti di legno vengono collocati sul lato interno degli sportelli per coprire la rete in corrispondenza delle traverse orizzontali (lo si vede nelle foto relative alla verniciatura).


Ah, gli spigoli sono stati leggermente arrotondati con le lime per facilitare la rotazione delle parti mobili. Operazione che andrà ripetuta anche dopo la verniciatura, durante la quale il legno tende naturalmente a gonfiare.


Avendo usato due diversi tipi di legno, la stesura di uno smalto di colore più scuro mi permette di uniformare il tutto con una semplice pennellata.

Ed ecco qua il primo infisso completato:



Si tratta tutto sommato di un test, perché essendo la prima volta che realizzo una finestra di queste dimensioni dovevo verificarne la fattibilità e togliermi diversi dubbi circa la tecnica e i materiali. Alcune cose si possono migliorare e non me ne mancherà certo l'occasione, visto che solo sul piano nobile ho altre quattro finestre di questo tipo da realizzare. Questa intanto, posso provare a metterla al suo posto e vedere l'effetto che fa.

Un'occhiata dall'interno...




...e poi dall'esterno.




E anche per questa volta è tutto!

MATERIALI:
legno, colla da contatto, colla istantanea, rete metallica, lamina metallica, fil di ferro, smalto per legno
STRUMENTI:
tenaglie, pinzette, carta abrasiva, seghetto, Dremel, cutter, forbici, lime, punteruolo
MISURE (in cm):
telaio esterno: 4,4 x 5,2 x 0,3
sportelli e telaio centrale: 1,1 x 4,5
altezza cardini: 0,3 + 0,3
diametro cardini: 0,2



0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails