Costruzione 210: Piano nobile - perimetro murario (3) e arcate in pietra

09/10/16 | ۩ |

Riprendo a distanza di un anno la descrizione delle murature del primo piano, soffermandomi su alcuni dettagli architettonici che vanno lentamente prendendo forma.
La parte più visibile del perimetro esterno, ovvero la facciata a bande orizzontali in marmo e ardesia, è già praticamente terminata. I muri interni e le facciate laterali invece sono rimasti indietro, tranne quelli della torre e del cucinino ai quali ultimamente ho dedicato più tempo.

La stessa facciata principale manca ancora delle parti murarie interne che formeranno i vani delle finestre e rafforzeranno la struttura come pilastri portanti tra un'apertura e l'altra.
Inizierei questo post proprio da qui, con alcune foto in cui si vede lo sviluppo dei vani e il completamento dello scalino in pietra.


Successivamente i pilastri proseguono il loro cammino verso la base delle arcate che ne chiuderanno le aperture e che saranno coperti dall'intonaco affrescato che decorerà l'interno del salone.


La facciata si raccorda a 90° con la grande parete laterale e prosegue fino agli archi d'accesso alla balconata.


La porzione di muro in mattoni già realizzata, completa di archi di scarico, viene temporaneamente smontata e ricollocata più in alto. In questo caso si tratta più che altro di una scelta estetica per fare in modo che il passaggio dalla pietra al mattone coincida su tutta la facciata laterale.




Questa però non è l'unica modifica a cui viene sottoposto, perché l'accostamento dei filari di pietra e dei mattoni non mi ha mai convinto del tutto, essendo risolto con una linea troppo netta e regolare. Per cui, dopo mille ripensamenti ne altero il profilo rimuovendo alcune pietre e sostituendole con nuovi corsi di mattoni. La riempitura dei giunti con il cemento contribuirà ad uniformare maggiormente le due diverse superfici.
E meno male che era un muro di secondaria importanza, perché mi sta costando molto più fatica degli altri!

Procedendo nel nostro giro lungo il perimetro della Domus, ci ritroviamo al livello della balconata lignea, che è sempre lì in attesa che i muri crescano per potersi arrampicare sulla facciata.
La connessione tra il muro esterno e la parete adiacente è piuttosto complessa, perché in questo punto si incrociano anche il muro tronco e la base dell'arcata di spina che attraverserà il salone per tutta la sua larghezza.


Le murature crescono fino a un punto prestabilito, dopodiché si torna a montare la centina di cartone (la stessa già usata per le arcate del loggiato d'ingresso) e si procede alla costruzione del primo arco a sesto acuto.




I conci, appositamente sagomati per seguire la curvatura dell'arco, vengono posati uno ad uno fino a pochi millimetri dalla sommità.


Poi, una volta collocata la chiave, la struttura si autosostiene e posso rimuovere il supporto per procedere alla costruzione del secondo arco.


Questa volta l'estradosso andrà rifinito per bene, perché da qui in poi il muro proseguirà in mattoni e il maggiore contrasto cromatico ne renderà ben visibile il profilo.


Rimandiamo la posa dei mattoni a un altro post e dirigiamo l'obiettivo verso il muro che separa il salone dalla struttura della torre.
Questa parete non presenta particolari difficoltà, se non per la scelta di pietre dalle forme regolari e "compatibili" tra loro. Ogni volta che vado ai giardini ne raccolgo qualcuna, così da non rischiare di restare senza materia prima.
Nelle seguenti foto si nota l'aggiunta di due nuovi corsi, oltre alla crescita dello stipite della porta, che viene realizzato invece con blocchi di ardesia perfettamente squadrati.


Procedendo ancora in senso orario, raggiungiamo l'interno della torre e il vano scala. Qui il muro in mattoni finalmente ha superato l'architrave della finestra e attende soltanto la posa dell'arco di chiusura.


Anche il passaggio per il portello della torre è sormontato da un piccolo archetto in pietra, che verrà unito all'arco esterno in mattoni da un voltino in tecnica mista.
Il posizionamento della colonna romana sul tramezzo delle scale, invece, anticipa un argomento del quale parlerò più avanti, ovvero il riuso della porzione di fusto e del capitello ritrovati durante gli scavi per le fondazioni della Domus...


Per finire questo tour a 360°, sorvoliamo rapidamente il cucinino, del quale abbiamo già ampiamente parlato...


...ed atterriamo nella saletta d'angolo, il cui interno è quasi pronto per le rifiniture di rito. Due archi ribassati in pietra chiudono i rispettivi vani finestra (una delle quali, ahimé, è ancora da costruire), mentre l'interno della lunetta viene completato dalla muratura in mattoni, in attesa dell'intonacatura finale.




E che altro dire? Ci vediamo alla prossima!

MATERIALI:
mattoni, ardesia, ghiaia, colla bianca
STRUMENTI:
tenaglie, pinzette, carta abrasiva, spatolina, seghetto, lime, livella a bolla, righello, supporto in cartone




0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails