Costruzione 203: Il cucinino (2) - porte e completamento della botola

03/02/16 | ۩ |

La prima volta in cui ho parlato del cucinino mi sono soffermato sulle caratteristiche generali del vano e sull'inizio della costruzione del camino e del lavabo.
Poco a poco i lavori sono andati avanti e a questi elementi si è aggiunta la bifora che si affaccia sul vicolo laterale. Adesso posso riprendere il discorso, iniziando per esempio dal completamento del pavimento in cotto.

L'apertura quadrata della botola, chiusa provvisoriamente da un tappo di gomma per proteggere l'interno del magazzino dalla polvere, verrà finalmente completata con l'inserimento di uno sportello dotato di anello in ferro per agevolarne il sollevamento. Per quanto riguarda la struttura in legno, si tratta di un semplicissimo doppio tavolato con una scanalatura lungo il bordo per adattarsi alla botola senza cadere all'interno del vano sottostante.


Il passo successivo è la verniciatura sia dello sportello che del pavimento, che assume così un colore decisamente più scuro, anche se con il tempo tornerà a schiarirsi parzialmente.


Non riempirò i giunti con il cemento come faccio di solito con i muri perché penso che ne altererebbe la resa cromatica.


Come si è già visto in alcune di queste foto, attorno al pavimento i muri hanno continuato a crescere e si sono arricchiti di nuovi elementi in corrispondenza delle porte.
Iniziando dalla porticina che dà accesso alla saletta d'angolo, si sono aggiunti gli stipiti in pietra e l'architrave, ottenuto riadattando un bassorilievo realizzato con lo Sculpey e risultato troppo grande per essere inserito in facciata.


Inoltre, con il tempo si è attenuato di molto il colorito bruno-rossastro assunto dal pezzo durante la cottura. Attualmente la sfumatura rosa che si vede nella foto in alto è scomparsa del tutto, grazie ad una (casuale) prolungata esposizione al sole.

L'infisso in legno ha una struttura molto semplice e del tutto simile a quella della cantina: un tavolato verticale incorniciato all'interno da un telaio e incardinato al muro tramite gangheri e bandelle di ferro ribattuto. Le novità sono rappresentate dall'uso di una sottile lamina in ferro per gli anelli delle bandelle e dal rudimentale chiavistello di chiusura, che ruotando su un perno centrale (corrispondente alla maniglia sull'altro lato) va ad incastrarsi con un gancio a 'L' collocato nel muro.



L'architrave, appoggiato direttamente sugli stipiti verticali, viene in un secondo momento rimosso per completare la cornice della porta con un altro listello di ardesia. Anche qui si tratta più di una scelta estetica che strutturale. Mi sembrava che la porta risultasse più completa in questo modo.




Questo per quanto riguarda la porta frontale. Quella posteriore, ad uso esclusivo del personale di servizio, darà direttamente accesso al vano scala (di qui passeranno i cibi e le portate provenienti dalla cucina vera e propria, posta all'ultimo piano).
Su questo lato la muratura mantiene le caratteristiche proprie della torre, con blocchi di maggiori dimensioni e rozzamente squadrati. La cornice della porta è chiusa in alto da un massiccio architrave che fa sembrare il tutto più uno scorcio di Machu Picchu che una casa genovese...


All'interno il vano viene chiuso in alto da un archetto ribassato, realizzato con il solito affettato di mattoni vecchi. Intanto continua la costruzione della mensolatura, che viene modificata per essere alloggiata all'interno del muro ed è completata da due peducci laterali.



L'infisso questa volta sarà doppio, anche se in una prima versione era prevista un'unica anta, giudicata poi troppo grande. In posizione aperta la porta avrebbe coperto buona parte della parete di fondo, per la quale ho in serbo ben altro. Di conseguenza, i primi due gangheri inseriti sono quelli di sinistra, per i quali avevo già previsto opportune scanalature.


Le seguenti foto illustrano la costruzione della porta e le varie modifiche attraverso cui è passata.
Partendo dall'anta unica...



...fino ad arrivare al taglio dell'infisso in due parti uguali, con l'aggiunta di un chiavistello centrale scorrevole e l'inserimento (a questo punto assai difficoltosa) di altri due gangheri nello stipite opposto.




Finalmente la cucina potrà essere chiusa, e questa è la prima condizione necessaria per la sua messa in funzionamento. Le preziose suppellettili e i cibi che essa dovrà ospitare non possono certamente restare accessibili a chiunque...
Ed ecco così spiegata (a posteriori) la presenza dei due leoni sulla porta d'ingresso! Sarà un monito sufficiente?


Lasciamo il padrone di casa a rimuginare su questa ed altre questioni.
Torneremo presto al cucinino, questa volta per completare il caminetto (che se siete stati attenti avrete già intravisto) e procedere all'arredamento finale...

MATERIALI:
ardesia, legno, mattone, fil di ferro, lamina di ferro colla bianca, colla da contatto, smalto trasparente
STRUMENTI:
tenaglie, pinzette, carta abrasiva, seghetto, cutter, pennello, incudine e martello
MISURE (in cm):
porta frontale: 1,9 x 3,8 x 0,4
porta sul retro: 1,5 + 1,5 x 4,8 x 0,4
vano porta: 3,3 x 6 x 1,3



0 commenti:

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails