Costruzione 145: Volta a padiglione (2) - l'affrescatura

07/03/13 | ۩ |

Torniamo ad occuparci della volta dell'ingresso, che come avevo anticipato sarà intonacata e dipinta.

Per la realizzazione del fondo, a differenza della lunetta del portone principale per la quale avevo riciclato un frammento di vero intonaco, userò del semplice gesso in polvere.
Le superfici curve infatti renderebbero impossibile l'applicazione del materiale già secco, causandone la rottura (ma questo metodo potrebbe tornare utile in futuro per la realizzazione di un curioso effetto crepatura).

Mescolando il gesso con un po' d'acqua ottengo un composto cremoso cche posso stendere sulla superficie interna della volta con la spatola. Non mi preoccupo tanto delle rifiniture (che effettuerò poi con la carta vetrata), quanto della sua uniformità e di non lasciare bolle d'aria all'interno.


La levigatura avviene, come già detto, con un pezzetto di carta abrasiva a grana fine, che lascia la superficie liscia e pronta per la fase successiva: l'affrescatura.

La scelta del soggetto è semplice in quanto ho già un'idea piuttosto precisa di quello che voglio realizzare. L'affresco sarà visibile solo in parte dall'esterno, quindi ho bisogno di un disegno semplice e puramente decorativo.

Una soluzione piuttosto comune nelle volte medievali (soprattutto di edifici religiosi) era la rappresentazione del cielo stellato, in modo spesso molto schematico con stelle equidistanti su sfondo blu. Tra i vari esempi trovati facendo qualche ricerca, mi soffermo su due in particolare, appartenenti alla cripta della cattedrale di Rieti ed alla celebre Cappella degli Scrovegni di Padova.
Nel primo caso si tratta di una volta a crociera mentre nel secondo di una volta a botte, ma il disegno può essere facilmente adattato facendo coincidere le nervature con il profilo dei quattro spicchi che formano la mia volta a padiglione.

Prima di affrontare il lavoro effettuo alcune prove di colore su un foglio di gesso realizzato tempo fa per testare la resistenza del materiale.
Una prima prova prevede l'uso del colore rosso sulle nervature con l'aggiunta di eventuali decorazioni floreali a greca. Il contrasto però risulta eccessivo e toglie protagonismo al soggetto principale, opto quindi per un tono più chiaro che va dal giallo al marroncino.
Le stelle invece vengono incise nel gesso usando un punteruolo (a sinistra) e la punta del compasso, più piccola ed affilata (a destra).


Una volta deciso il soggetto definitivo, traccio a matita le linee guida e passo alla coloritura delle nervature e dei quattro spicchi.



La porosità del gesso fa sì che l'acquerello si asciughi molto in fretta e questo mi permettere di procedere nella lavorazione senza lunghe attese e senza che i colori sbavino, anche quando (come nell'immagine in alto) si tratta di dipingere su un primo strato di colore.

La lavorazione delle nervature viene completata con l'aggiunta di una linea marrone  e di una bianca, anche in questo caso ottenuta incidendo il gesso con la lama del cutter.


A questo punto tocca finalmente alle stelle, incise a distanza regolare alternando le file fino a formare una griglia uniforme.
Le stelle sono tutte ad 8 punte e in ogni spicchio ne sono presenti 19 (per un totale di 76). Non so se ci sia un significato simbolico dietro a questi numeri. Lo lascerò decidere ai posteri, che sicuramente si affanneranno nella ricerca di qualche messaggio occulto riconducibile alla presenza dei templari in Italia o al nuovo romanzo di Dan Brown.



Infine, ecco una prova di posizionamento della volta per avere un'idea del suo aspetto dall'interno.
La foto è stata scattata inserendo (non senza difficoltà) la macchina fotografica tra i pilastri del loggiato piccolo e spalancando il portone. Ad occhio nudo la volta non sarà visibile se non con l'aiuto di uno specchietto.


MATERIALI:
gesso, acquerelli
STRUMENTI:
compasso, pennelli, spatolina, carta abrasiva
MISURE (in cm):
perimetro interno: 5,7 x 5,7



2 commenti:

leadaddicted ha detto...

salve! scusa l'intrusione come commento sul blog ma altrimenti non sapevo come contattarti.
volevo segnalare una iniziativa che stiamo portando avanti per creare una comunità di blogger italiani di wargame per ottenere più visibilità e quindi farci conoscere e leggere di più : )

questo l'indirizzo dell'aggregatore:
http://www.wargameitaliablog.it

questa la dichiarazione di intenti:
Scopo di questo sito è di proporre i post più recenti dei blog italiani di wargame in modo da renderli facilmente consultabili e di creare un interscambio di informazioni tra di essi.
Il sito vuole creare una comunità di blogger italiani in modo da farli conoscere al pubblico e farli conoscere tra di loro in nome di una comune passione.
Aderire a questo sito non significa perdere la propria identità: ognuno ha il proprio blog per esprimere le proprie opinioni che non necessariamente sono le opinioni di questo sito o degli altri blog che vi si trovano.
Questo sito è soltanto un aggregatore di post, i contenuti di quanto viene pubblicato sui singoli post è disponibile sui singoli blog a cui il sito rimanda dopo averne riprodotto un incipit.

se ti va di aderire fammi sapere, tramite modulo o scrivendomi direttamente a gmail.com mass.mosc

werner maresta ha detto...

Ciao e grazie dell'invito. Devo confessarti però che non m'intendo molto di wargame e di giochi di ruolo in generale.
Forse alcuni miei post possono risultare utili per la costruzione di diorami e ambientazioni medievali, ma per il resto non mi sembrano molto inerenti...
In bocca al lupo con il blog!

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails