Costruzione 28: Prigione sotterranea

16/09/10 | ۩ |

E' giunto il momento di montare le tre inferriate della prigione.
Con il mini-trapano Dremel (munito di albero flessibile) realizzo i fori nel pavimento in corrispondenza delle sbarre della prima grata, precedentemente segnati a matita.

Questo mi permette di inserire la prima grata (piegando momentaneamente le sbarre orizzontali) e prendere così le misure per i fori da effettuare nella parete.
Questa volta non posso usare il Dremel, perché neppure l'albero flessibile riesce ad entrare nello spazio angusto tra le mura della cantina. Sfilo la punta dal trapano e la spingo contro il muro con il polpastrello del dito indice, mentre con l'altra mano la faccio ruotare su sé stessa in un senso e nell'altro. E' un metodo lungo e un po' noioso, ma per fortuna il Das è un materiale morbido anche da secco.


A questo punto inserisco nuovamente la grata, adesso incastrandola anche nella parete, e taglio le sbarre nella parte alta perché coincidano con la curvatura dell'arco. Alcune sbarre orizzontali risultano un po' corte e non arrivano a toccare il pilastro in pietra. Mi riservo di sostituirle in futuro.
Per il momento, procedo al montaggio delle altre due grate metalliche. Prima però inserisco un paio di anelli di ferro (già realizzati qualche tempo fa) nel muro in pietra. Serviranno per legare i detenuti con la catena, e li vedremo meglio più avanti, insieme alla storia di questo strano muro...




 Inserisco la grata centrale ad incastro, senza forare i pilastri in pietra (cosa che risulterebbe alquanto complicata). Anche qui taglio le sbarre in eccesso e riposiziono l'arcata.
Per la terza e ultima grata, invece, seguo lo stesso procedimento effettuato con la prima.


Rimonto archi in pietra e volte, e la struttura della prigione adesso risulta completa. Manca solo qualche dettaglio e le rifiniture finali, ma già sembra di scorgere nell'ombra una figura, rannicchiata contro la parete: capelli lunghi, volto scavato... una pesante catena ai piedi e i segni recenti della tortura.
Ma forse è solo la mia fantasia che mi sta giocando un brutto scherzo...





1 commenti:

Anonimo ha detto...

ottimo lavoro! e anche ottima intuizione del problema dei commenti. Avevo provato a postare qlks ma nn andava xò ho pensato fosse a cuasa del mio pc...
saluti

lorenzo

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails